Fotografichevolissimevolmente. La rubrica di immagini su Roseto.com a cura di Luca Maggitti

Posted on: 04/02/2019, by :

Intervista al fotografo rosetano, che nei prossimi giorni aprirà una rubrica di sue immagini su Roseto.com.
Roseto degli Abruzzi (TE)
Martedì, 27 Novembre 2018 – Ore 21:45

Cristian, ti ricordi il giorno in cui hai deciso che avresti fatto il fotografo?
«La fotografia fa parte della mia vita da quando sono nato e mi sono ritrovato nell’ambiente senza che me ne rendessi conto. Due sono stati i momenti significativi che mi hanno fatto pensare di farne una professione. Il primo momento è stato a 16 anni, in piena era analogica, quando con una mia fotografia (L’infinito) mi sono aggiudicato il terzo premio in un concorso indetto in occasione dell’inaugurazione della stazione ferroviaria di Pescara. Da quel momento ho preso coscienza delle mie capacità espressive e ho iniziato ad osservare il lavoro del mio papà in maniera più poetica e mi son ritrovato nel proseguire la tradizione di famiglia. Poi la vita mi ha portato a fare diversi lavori fino a che, raggiunta una certa tranquillità interiore, è accaduto qualcosa che è legato ad uno dei miei luoghi culturali tanto cari che è il circolo virtuoso Il Nome della Rosa, il quale ha accolto la mia prima mostra fotografica realizzata interamente con l’apparecchiatura digitale. Non nego che il distacco dall’analogico mi aveva portato a sospendere l’attività fotografica per un certo periodo, fino a quando ho preso familiarità con i nuovi mezzi e, dopo quell’evento, sono ripartito a testa bassa».

Sei figlio d’arte. Quanto ha contato?
«Il fatto di essere figlio d’arte è stato fondamentale per me sia a livello economico[continua a leggere]

https://www.roseto.com/scheda_news.php?id=17307&fbclid=IwAR1G4oliITR7Yzw-V-pByhoZdYKz5LgwRrboRg7hTr5ExxZxlxhIQD6otuA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: